linkedin

Linkedin, questo sconosciuto! Linkedin è ancora poco conosciuto in Italia, ma sta prendendo il sopravvento anche da noi. Questo non è un Social da ragazzetti, è studiato e improntato prettamente sull’aspetto lavorativo, è un po’ come il vostro curriculum vitae digitale, un social dove potrete stringere relazioni professionali e conoscere altri esperti del vostro settore oppure farvi conoscere da figure professionali inerenti al vostro settore per poter così trovare nuove opportunità.

Ma anche questo social ha delle regole, a maggior ragione su Linkedin dove vi presentate come professionisti è ancora più importante seguirle e capire come sfruttarlo al meglio per raggiungere i vostri obiettivi!

Recentemente sono stata ospite nella sede di Linkedin a Milano, nella torre B sopra la stazione Garibaldi al 19esimo piano all’evento #GITbreakfast, dove Marina Fantini (Talent Solution e Marketing Manager per Linedin Italia) ci ha raccontato Linkedin, la mission, come gestire correttamente un profilo e come sfruttare Linkedin per la profilazione del target nelle campagne a pagamento.

[Tweet “Linkedin mission: “Connect the wold’s professionals to make them more productive and successful”.”]

Che cos’è Linkedin e un po’ di numeri

Linkedin è la più grande rete professionale al mondo su Internet con più di 200 milioni di membri in oltre 200 Paesi, è stato lanciato il 5 Maggio 2003 e già dopo un mese registrava più di 4.500 membri e ad oggi le iscrizioni incalzano ad un ritmo di più di 2 al secondo.

Ogni anno gli utenti Linkedin effettuano più di 4 miliardi di ricerche e condividono informazioni in oltre 1 milione di gruppi, inoltre più di 2,6 milioni di aziende hanno un profilo sulle Pagine aziendali di Linkedin.

In Italia piu di 4 milioni di persone sono iscritte e siamo il 7° paese per numero di iscritti, il 5° per incremento di iscrizioni.

Le città che contano più membri sono Milano, Roma e Bologna.

Perché dovresti usare Linkedin?

[Tweet “Linkedin vision: “ Create economic opportunity for every member of the global workforce”.”]

Primo perché è il secondo Social Network con più visite in Italia e con crescita più rapida e poi perché è 3 volte più efficace dei suoi ‘amici’ Facebook e Twitter per la conversione di contatti.

I 3 ERRORI PIU’ COMUNI

  1. Profilo incompleto, invisibile o non aggiornato
  2. Un numero basso di collegamenti
  3. Non usare i gruppi o le pagine aziendali

3 CONSIGLI PRATICI

  1. Gestire attivamente i collegamenti
  2. Avviare conversazioni interessanti
  3. Fissare un obiettivo e monitorare il risultato

Ecco i nostri consigli su come gestire al meglio il profilo di Linkedin e sfruttarlo al meglio per ottenere nuovi contatti lavorativi:

1. Foto del profilo

Utilizza una foto personale, che sia recente, in cui sei ben visibile e che ti rappresenti in maniera professionale. No assoluto a illustrazioni, foto di luoghi (le foto che non rappresentano un volto vengono segnalate da Linkedin che vi invierà un gentile messaggio in cui vi invita a rimuovere e sostituire l’immagine) ovviamente no a te in costume da bagno su una spiaggia (a meno che tu sia un bagnino!!) e NO categorico ai profili senza foto! (link a post #workselfie)

Nota bene che un profilo con una foto è visto ben 14 volte in più di uno senza.

2. Sommario

Ricordati di compilare il sommario (ovvero il testo sotto al tuo nome) questo permette a chi guarda il tuo profilo di identificarti in una figura professionale.

3. Contatti

Ricordati di inserire tutti i tuoi contatti e recapiti su cui vuoi essere contatto, qua il numero di cellulare è fondamentale per un contatto lampo (ovviamente quello che usi per il lavoro!)

Non dimenticare mai il contatto Skype e i link ai tuoi vari social Network (che usi per lavoro!)

4. Portfolio

Arricchisci il tuo portfolio con risorse multimediali come fotografia, siti web esterni, presentazioni, video, tutto quello che può raccontare al meglio la tua professionalità.

5. Esperienze lavorative

Aggiorna costantemente le tue esperienze lavorative, controllando la correttezza delle date di inizio e fine, ricordati di scrivere sempre qualche riga sulle mansioni che hai svolto in quell’azienda.

Nota bene che un profilo con più di un esperienza lavorativa viene visto 12 volte di più di uno senza.

6. Skill (competenze e conferme)

Questa è la sezione in cui potrete gestire e inserire le vostre competenze in ambito lavorativo, pensate bene alle vostre competenze e aggiungete quelle più rilevanti e riorganizzatele in ordine di rilevanza per le vostre ambizioni lavorative.

Evitate di confermare competenze di altri profili se non avete veramente avuto esperienze lavorative con quella persona, la conferma delle competenze non è il nuovo Pacman!

7. Errori grammaticali

Mi raccomando scrivi correttamente e controlla gli errori. Se la tua rete contatti è internazionale puoi scrivere lo stesso contenuto in due lingue ma ricordati in ogni caso di parlare in prima persona!

8. Formazione

Se hai frequentato un liceo, l’università (anche se non conclusa) dei corsi esterni o master, scrivilo e inserisci il nome della facoltà e del corso di Laurea, questo ti permetterà di ampliare i tuoi collegamenti. Inserisci gli studi delle superiori solo se sono importanti per la tua professione (ad esempio una scuola professionale o con un indirizzo particolare).

Inserisci anche i corsi che hai frequentato e se hai delle certificazione o gli attestati di partecipazioni attiva il modulo. Sono importanti anche le pubblicazioni e i progetti a cui hai o stai partecipando.

9. Esperienze di volontariato

Aggiungi le esperienze di volontariato o stage che hai svolto in questa specifica sezione, ad esempio per gli studenti che non hanno ancora avuto un vero e proprio lavoro da inserire nelle esperienze lavorative questa è la sezione perfetta. Ma anche se ti prodighi per una causa particolare e fai servizio di volontariato per una determinata associazione segnalalo, racconterà qualcosa in più di te e della tua personalità, la metà dei manager sostiene che valgono tanto quanto delle vere esperienze di lavoro.

10. Vanity URL

Anche Linkedin ha attivato le vanity URL scegli la URL del tuo profilo cosi sarà più facile condividere il link del tuo profilo sui Social e farti trovare più facilmente su Google.

11. Richieste di collegamento

Non accettare a casaccio le richieste di collegamento, aggiungi solo persone che possono aggiungere valore alla tua rete. Questo lo puoi fare un paio di volte alla settimana prendendoti un po’ di tempo per gestire in maniera corretta tutte le richieste associando un tag a ogni collegamento in modo da facilitarne la ricerca.

12. Pubblicare aggiornamenti personali

Comunica costantemente alla tua rete di collegamenti i tuoi aggiornamento personali, sarebbe meglio riuscire a condividerli almeno due volte a settimana.

Puoi scrivere delle frasi con delle riflessioni, commentare post altrui oppure condividere articoli scritti sul tuo blog. Non lasciare che i commenti alle tue pubblicazioni rimangano li senza un minimo di risposta, se non riesci ad accedere giornalmente attiva le notifiche cosi potrai accedere a bisogno per interagire con i tuoi interlocutori.

Quando trovi uno spunto interessante puoi utilizzare il tasto ‘consiglia’ e magari aggiungere un commento, vedrai che i tuoi collegamenti prenderanno subito il volo!

13. Seguire

Segui diverse Pagine Aziendali che possono interessarti del tuo settore, ti terrai di certo sempre aggiornato sulle novità del tuo settore. È importantissimo seguire oltre che i tuoi clienti, anche i tuoi conccorrenti, questo per poter monitorare le loro mosse in fatto di strategia di social media marketing e cercare di anticiparle! Bisogna sempre osservare ‘il nemico’!

Un altro spunto interessante è quello di seguire i gruppi, qui potrai conoscere e parlare direttamente con i tuoi futuri clienti. Prima di commentare o iniziare una conversazione ricordati sempre di chiederti di cosa vuole parlare il tuo cliente tipo! Evita di essere autopromozionale, scrivi pensando di portare valore e argomenti interessanti al gruppo altrimenti la tua reputazione crollerà in picchiata!

14. Inserzioni a pagamento e profilo premium

Linkedin offre delle inserzioni con una targettizzazione davvero precisa, con ottimi tassi di conversione anche se i costi sono altini parliamo di 2$ al click e un mercato prettamente B2B.

Pubblicheremo presto una guida a come realizzare un annuncio a pagamento efficace e come monitorarne i risultati, segui il nostro blog per scoprire di più!

RESTA AGGIORNATO!

newsletter e blog magenta digital

Continua a seguire il nostro blog per scoprire di più sul SEO, sul Social Media Marketing, su WordPress e tanto altro! Iscriviti alla Newsletter e scarica i nostri utilissimi tools pensati appositamente per te!

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]