creare landing page efficaci

Il mondo del web è in continua evoluzione. Non solo dal punto di vista tecnologico e del design, ma soprattutto dal punto di vista dei competitors e degli utenti che sono sempre più esigenti e pronti a navigare decine e decine di siti internet prima di trovare quello che stanno realmente cercando.

Se poi consideriamo che il numero di siti internet e di landing page cresce esponenzialmente di giorno in giorno (ogni giorno vengono realizzate 1.100 landing page con Instapage) capirete perfettamente che per emergere dalla massa e fare in modo che l’utente clicchi il fatidico pulsante “CONTATTAMI” dovrete mettervi veramente di impegno e creare un prodotto che sia impeccabile ed ottimizzato sotto tutti i punti di vista.

A seguire vi riportiamo una serie di consigli per ottimizzare al meglio le vostre landing page e fare in modo che siano realmente efficaci e vi portino conversioni e buoni ritorni economici.

Mostrate il giudizio dei vostri clienti

Con tutte le volte che l’ho già detto e scritto mi sento un po’ logorroico e ripetitivo. Forse sto invecchiando, o forse è davvero il caso di prendere in considerazione quello che vi sto per scrivere. Gli utenti vanno rassicurati. Proprio così, non vi ho svelato nessun segreto di Fatima, ma una semplice verità che dovete però tenere sempre ben presente nel momento in cui progettate la vostra landing page.

Un metodo molto rapido e molto utilizzato per ottenere questo risultato è quello di inserire o i marchi dei vostri clienti – se questi sono conosciuti e facilmente riconoscibili dal vostro utente – oppure le recensioni dei vostri clienti sul vostro prodotto/servizio. L’obiettivo è quello di innescare l’ “effetto halo”, che detto in parole povere fa sì che l’utente sarà molto più propenso ad avere un giudizio positivo su di voi e sul vostro prodotto se vedrà che anche altre persone/aziende lo hanno già fatto prima di lui.

Per fare una cosa realmente fatta bene sarebbe il caso di far raccontare ai vostri clienti in che modo utilizzando il vostro prodotto/servizio hanno risolto un problema o raggiunto un determinato risultato.

2. Create un’headline che risponda alla domanda che si pone il vostro utente

L’headline della vostra landing page deve essere in grado di catturare fin da subito l’attenzione del vostro utente, altrimenti c’è il rischio che chiuda la vostra pagina e vada a cercare altrove.

Per essere sicuri di tenerlo incollato alla vostra landing page partite dal presupposto che il vostro utente sta navigando con l’obiettivo di risolvere un bisogno specifico e che quindi ha una domanda che gli frulla nella testa alla quale sta cercando una risposta. Bene, l’headline della vostra landing page deve essere orientato a dare una risposta a quella domanda.

Immaginate il caso che il vostro utente stia cercando un nuovo software per l’e-mail marketing. La sua domanda sarà quindi “ vorrei un sofware che mi permetta di inviare DEM e Newsletter che mi portino dei risultati”. Se nel suo navigare si imbatte su Campaignmonitor.com si troverà davanti agli occhi l’esatta risposta alla sua domanda.

 

3. Fate vedere occasioni d’uso del vostro prodotto/servizio

Sia che si tratti di un prodotto che di un servizio, un consiglio che vi posso dare per aumentare il numero di conversioni è quello di utilizzare delle immagini che facciano visualizzare al vostro utente come questo viene utilizzato. In questo modo sarà per lui più facile immedesimarsi e sarà più portato a contattarvi.

4. Evitate optin form troppo lunghi. Piuttosto divideteli!

Anche qui mi sento un po’ logorroico nel dire che l’utente è pigro e dovete fargli fare meno sforzi possibili. Compilare un form di contatto per l’utente è uno sforzo “mostruoso” che potrebbe portarlo ad abbandonare la vostra pagina. Specialmente se il form contiene tanti campi al suo interno (nome, cognome, data di nascita, mail etc..). Come risolvere questo problema? Le strade percorribili sono due: 1 – fate in modo di ridurre all’osso i campi obbligatori – nome ed indirizzo mail in molti casi potrebbero essere più che sufficienti; 2 – dividete l’optin form in due passaggi richiedendo nel primo passaggio i dati essenziali, come nome e mail, e quindi portate l’utente su una nuova pagina dove potrà compilare i campi rimanenti. P.S. ricordatevi di incentivarlo e di ringraziarlo magari con un “bonus” che puuò essere uno sconto o un contenuto premium scaricabile gratuitamente.

optin form

 

Che ne pensate?

Spero che questo articolo vi sia stato utile per capire come progettare una landing page efficace. Se l’articolo vi è piaciuto e pensiate che possa essere interessante anche per i vostri amici / colleghi condividetelo sui social network! Ci vediamo tra una settimana per il prossimo articolo di Magenta Digital

RESTA AGGIORNATO!

newsletter e blog magenta digital

Continua a seguire il nostro blog per scoprire di più sul SEO, sul Social Media Marketing, su WordPress e tanto altro! Iscriviti alla Newsletter e scarica i nostri utilissimi tools pensati appositamente per te!

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]